Laterza, ebook in streming con Lea (e in Spagna c’è già Nubico)

Nel rapido e vario processo di evoluzione che sta coinvolgendo il concetto di libro negli ultimi anni, dal self publishing all’ebook, una nuova tappa sembra stia per essere segnata da Giuseppe Laterza & figli con il progetto Lea (libri e altro), in partenza a fine maggio, che introduce lo streaming anche nell’editoria.

Rifacendosi alla tendenza sempre più diffusa della fruizione di servizi su abbonamento, l’editore ha creato una piattaforma digitale alla quale sarà possibile accedere con un account personale e scegliere tra i 300 titoli disponibili in streaming. L’iniziativa partirà con un abbonamento lancio di 5,90 euro, per poi passare a una tariffa ordinaria di 7,90 euro al mese.

L’idea è quella di rendere la lettura un processo non più unidirezionale ma fluido, permettendo all’autore di ricevere reazioni e commenti alla propria opera e di tenerne conto per eventuali sviluppi futuri o modifiche. Inoltre questa formula permette di incorporare nell’ebook altri contenuti, potenzialmente sempre aggiornati. Tra i titoli messi a disposizione dalla piattaforma, ad esempio, ci saranno La maschera democratica dell’oligarchia. Un dialogo, di Luciano Canfora e Gustavo Zagrebelsky, che in questa versione online comprenderà anche un’intervista video agli autori, e un’opera di Assante e Castaldo dedicata ai Beatles e corredata da video e playlist ad hoc.

Non si tratta però della prima iniziativa del genere. Pochi mesi fa è nata Nubico, novità spagnola promossa da Telefónica e Circulo de Lectore che punta a conquistare il mercato digitale iberico fornendo ebook su abbonamento. L’intento dovrebbe essere quello di allargare il pubblico dell’editoria digitale fidelizzando giovani e giovanissimi, maggiormente abituati all’utilizzo del digitale nella vita di tutti i giorni.

Sarà interessante seguire l’esito di questi progetti per capire quanto il lettore sia pronto ad accettare le nuove declinazioni che il libro sta assumendo e quali vantaggi le case editrici possono trarne per cercare di combattere la crisi in atto ormai da tempo nel settore.

I commenti sono chiusi