Ebook per lettori con disabilità visive: il progetto LIA

Tra i tanti pregi che caratterizzano gli ebook ce n’è uno probabilmente poco considerato ma molto nobile: i libri digitali sono potenzialmente molto più accessibili ai disabili visivirispetto al loro corrispettivo cartaceo. I vantaggi più evidenti sono per gli ipovedenti la possibilità di ingrandire a piacimento i caratteri e per i non vedenti l’utilizzo delle applicazioni di sintesi vocale disponibili sia su pc che su tablet e smartphone o la possibilità di collegare al proprio device un display braille. Ma perché l’ebook risulti davvero pienamente accessibile è necessario che soddisfi alcuni criteri, come la possibilità di modificare i colori e i contrasti del testo e dello sfondo o l’esistenza di un indice dei contenuti che permetta l’accesso diretto a tutti i capitoli del testo tramite link.

Proprio questo è l’obiettivo del Progetto LIA, realizzato dall’Associazione Italiana Editori con il finanziamento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la stretta collaborazione dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti: la creazione di standard per la realizzazione di ebook accessibili e l’integrazione della loro realizzazione all’interno della normale filiera editoriale in modo da garantire la loro immediata disponibilità e presenza nelle principali librerie online. Partendo dalla consapevolezza che il lettore con disabilità visiva è un lettore più vorace della media, il progetto ha preso il via lo scorso dicembre e nel giugno di quest’anno ha portato alla realizzazione e messa online di un catalogo di 2500 ebook accessibili che ha visto la partecipazione di oltre 40 case editrici.

Il catalogo online, consultabile all’indirizzo www.libriitalianiaccessibili.it, è certificato dall’Istituto dei Ciechi “Francesco Cavazza” di Bologna ed è integrato con i principaliebook store tradizionali attraverso i quali si potrà perfezionare l’acquisto del libro scelto. Oltre al lavoro svolto fin qui con la messa a disposizione di un grande numero di titoli di narrativa e saggistica, il progetto punta in futuro a garantire l’automaticità della produzione di ebook accessibili, in modo da rendere immediatamente disponibili anche per i disabili visivi le novità editoriali. La realizzazione di quest’obbiettivo permetterebbe davvero di eliminare la disuguaglianza nell’accesso alla cultura che imponeva a non vedenti e ipovedenti di dover attendere i lunghi tempi necessari per la pubblicazione dei nuovi titoli in formati a loro accessibili.

I commenti sono chiusi